Cerca

ESTIKAZZI

Chiusa una porta, murala

Mese

febbraio 2012

E mi rode

Dovrò darti ragione in eterno.

Sarà questa la mia condanna. Quella che mi si ritorcerà contro giorno dopo giorno

Le Tue parole

Ci ho riflettuto su tutto il fine settimana.

Mentre caricavo le mie canoniche quattro lavatrici del sabato, mentre facevo la spesa al market o riordinavo l’armadio, mentre pedalavo come un criceto o mentre mi rigiravo nel letto.

Ma non posso fare a meno di venirti a trovare.

Percorrendo la stessa strada, andata e ritorno. Spesso anche più volte al giorno.

Anche di notte. Nella tua stanza. Su quel letto che conosco alla perfezione.

Solo per  sfiorarti le labbra, guardarti negli occhi o stringerti la mano.

“Hai i tuoi doveri coniugali da assolvere”. Colpita e affondata.Io.

Già. Da assolvere.

O da risolvere

Annunci

Buon vicinato

E° proprio vero. Saremo vicini di casa. Un giorno.

Io e Lui. Cinquecento metri. Metro più,metro meno

Questa è la distanza che divide  la sua splendida dimora  dalla mia meravigliosa cuccia

A piedi ovviamente.O a senso unico.

Perchè è cosi che  ho percorso stamattina un tratto di quella che conosco a menadito

La strada di casa mia.

Solo per saggiare le distanze

Partendo da sotto casa Sua

Con la testa tra le nuvole.

E un piede in paradiso. O in purgatorio

 

Già intravedevo i cherubini che mi svolazzavano intorno.

Amici

Buon sanvalentino

Per Te. Una squallida bugiarda

Per Te. La Tua amica sincera in linea

Per Te. Le Tue priorità.Le Tue scelte

Per Te. Le tue parole spietate

 

Per me. Il tempo passa ma non cura

Per me.Le mie stronzate romanzate

Per me. Fatica.Sudore.Caparbietà

Per me. Ad un passo dall’obiettivo

 

Ma in fondo sono solo baldanzosa sicumera

Carboidrati essenziali

Mi piace l’orzo. Lo so, fa schifo, non sa di niente, è roba da vecchi,appanna il mio radioso sorriso,come tutte le bevande scure macchia i denti, ma a me piace

Ne bevo litri quando fa freddo. Anche al bar

Giusto ieri ne ho ordinato uno. Il bar è nuovo. Almeno lo è per me.Si trova nei pressi della mia nuova,piccola,splendida casa da ristrutturare, in centro.

Il mio grande sogno realizzato. E ancora non mi sembra vero

Il barman è gentile e carino.La tazza a forma di cuore

Il mio orzo era un cuore

Immediatamente è partito un sorriso.Mi si è aperto sul viso spontaneamente.

Sembrava quasi che quella roba insipida avesse assunto all’ improvviso un gusto ed un aroma eccezionali. E avesse contagiato anche la iena ridens.Che sarei io

Basta dunque sostituire l’ involucro per ottenere un risultato che incida piacevolmente sul sapore e sull’umore?

Mentre mi arrovellavo le sinapsi ponendomi l’ennesima paranoica domanda, mi sorprendevo a chiedere in regalo l’oggetto che mi aveva procurato cotanta meravigliosa e inattesa sensazione di benessere

Avrebbe potuto provocarla tutte le mattine.E senza l’ausilio di un corpo,di un volto, di una sola parola

Praticamente un miracolo

Alla mia richiesta, il ragazzotto carino e sorridente mi ha gentilmente risposto di no

A quel punto non ho avuto scelta.

Il cuore è magicamente e rapidamente scivolato nella mia borsa

Se l’è proprio cercata

5×5

Sapevo che stasera sarebbe finita cosi.

Il solito tubo di Pringles e  prosecco perchè le bollicine mi friccicano il velopendulo e la sensazione è impagabile

Ho premeditato tutto. Sessione lunghissima in palestra per stremare ogni arto, letto,computer e neve per ovattare ogni pensiero

Ma sto bene, tutto va esattamente come deve andare.

Lui con quella li, io qui e il resto del mondo fuori dalla porta. Compreso Ugo

Solo cinque centimetri per cinque. E solo ieri inalavo il suo profumo dallo schermo del mio pc.

Credo sia il momento di iniziare la riabilitazione

Ma stasera baccalà per cena

Diamond inside

Quando ci si assomiglia, ci si riconosce.

Ci si riconosce dalla pelle, dall’odore,dal sorriso,dallo sguardo familiare,dalle parole che non pronunci.

E’ cosi con Lui. E non posso farci nulla.

 

Stasera Ugo,in un guizzo di vero genio mi ha detto: “ti fai troppe pippe mentali”.

Odio questo termine. Senza senso.

Inutile come chi lo pronuncia.Inutile come la mente che lo partorisce

Non mi interessa sapere a cosa si riferisse, sarebbe fatica sprecata

Considerata la pochezza del soggetto,  credo sia convinto che la sua sia una mente brillante e illuminata.

Ha capito la vita ed il suo senso.In tutti i sensi.

Non ha bisogno di parole ma solo di poche, fondamentali, basiche certezze:

che domani io sia ancora disposta a dargliela

The first

 

L’ho salvato e chiuso in una scatola. Il blog.Quello precedente.

Ora mi volto indietro e non c’è nulla.Neanche una riga.

Eppure ne ho scritte di cazzate. Tutte per Lui.

Il mio principe azzurrissimo,il mio unico grande amore,l’essere più simile a me nel mondo animale.

Quindi nel mio.

Ora che Lui è felice con un’altra io cerco di fare altrettanto con Ugo.

Sembra quasi una sciocca rivalsa,una ripicca da adolescente idiota.

E forse lo è. O forse no.

E’ che non so neanche cosa voglia dire essere innamorata. Ora.

Ora che sono diventata una stronza egoista.Ora che gioco a rimpiattino con ogni coglione che ci prova.

Mi diverte. O rende sopportabile ogni giorno in cui mi guardo allo specchio e vedo quello che gli altri non vedono.

Me stessa.

Blog su WordPress.com.

Su ↑