Dovrò darti ragione in eterno.

Sarà questa la mia condanna. Quella che mi si ritorcerà contro giorno dopo giorno

Le Tue parole

Ci ho riflettuto su tutto il fine settimana.

Mentre caricavo le mie canoniche quattro lavatrici del sabato, mentre facevo la spesa al market o riordinavo l’armadio, mentre pedalavo come un criceto o mentre mi rigiravo nel letto.

Ma non posso fare a meno di venirti a trovare.

Percorrendo la stessa strada, andata e ritorno. Spesso anche più volte al giorno.

Anche di notte. Nella tua stanza. Su quel letto che conosco alla perfezione.

Solo per  sfiorarti le labbra, guardarti negli occhi o stringerti la mano.

“Hai i tuoi doveri coniugali da assolvere”. Colpita e affondata.Io.

Già. Da assolvere.

O da risolvere