Cerca

ESTIKAZZI

Chiusa una porta, murala

Mese

ottobre 2012

La prima volta che lo vidi ne rimasi folgorata.

Ugo è un uomo bello. Dentro e fuori. Bello e sofferente.

Il suo fisico fa acqua da tutte le parti. Ma nei giorni buoni lo sfrutta al massimo. Sa che non durera’ a lungo. Ce ne saranno di peggiori. Come questo.

Mi ha conquistato con il suo sorriso ed una semplice frase ”  Stiamo perdendo un sacco di tempo”. Nient’altro  da aggiungere. Meravigliosa

Non ha più una donna al suo fianco ormai da anni. E non gli frega niente. Non potrebbe vivere diversamente. Ne sono certa.

E io lo amo.Almeno credo.
O perchè crederlo è piu facile che ammetterlo.

Ammettere che “amare” e’ una parola troppo grossa.

Per me. E per lui che della parola amore e di tutti i suoi derivati non vuol neanche sentirne parlare. Le  sensazioni che proviamo contano davvero.

Forse è per questo che ci siamo trovati. Forse è per questo che ancora ci siamo. Io, lui.

Con le dovute distanze di sicurezza.
Tutto è dosato alla perfezione. Nè troppo vicini, nè troppo lontani.
La teoria del porcospino insomma

L’unica che mi riesce ancora alla grande.

Annunci

Me my self and I

Sono settimane che il sabato sera rimango a casa. E non importa.Mi rilasso

Ma non faccio piú un sacco di cose.

Non faccio tardi la sera, non corro, non rido davvero di gusto, non fumo, ma quello ormai da tanto, non faccio da tanto neanche quella cosa che ci si bacia, ci si accarezza e ci si dona piacere a vicenda.

Si chiama ” amore”?

Nel frattempo la mia cuccia in centro, da bruco si sta trasformando in una splendida farfalla.

Splendida per me che ne sono innamorata,ovviamente. E ne seguo le evoluzioni .

Le sue e le mie.

Chi l’ha vista finora ha lasciato un suo commento, non necessariamente verbale.Perplessi e’ il termine giusto. Insomma vederla da’ ampio sfogo alla fantasia di chiunque, anche di chi ne deficita totalmente.

E questo mi piace. Non e’ banale.

E’ che alla fine ci si innamora sempre di chi ci assomiglia.

Qualcuno mi ha  detto che ho avuto un bel coraggio ad acquistarla.

Ma io l’ho sempre vista per quello che sarebbe potuta diventare.

Me l’ha insegnato Lui.

 

E comunque devo riprendere a correre. E’ l’unica cosa che mi manca davvero.

Onlyforyou

Lasciati attraversare dalla luce.
Lasciati attraversare dal calore.
Lascia che sia pianto, se deve

Lascia scorrere il sangue
Lascialo libero di pulsare nelle tempie.
Lascia che sia vita, ovunque intorno a te.
Lasciala fluire.

Vivere ogni istante senza cadenzarlo coi giri d’una lancetta.
Scoprire due occhi che ti guardano senza sentire già il sapore di un addio.
Inutile vivere,altrimenti.

Lascia che sia. Quel che vorrai.
Il pianto a volte è l’anticamera della felicità.
Esprimi il tuo desiderio e dagli vita
è lì che aspetta

E’ per te

Quindi e’ proprio tutto qui.

Niente che non possa essere superato, bypassato, sfanculato, eliminato.

Si mette un punto, da qualche parte su questo meraviglioso foglio bianco e si ricomincia.

La battaglia navale intrapresa nei miei riguardi e’ solo tempo perso.Possono colpirmi ma non affondarmi.

Già.

Lei mi conosce poco. Almeno cosi sembra. Ma le basta un’occhiata per perforarmi come una trivella.

Mi osserva.Mi parla. Poche parole, quelle giuste. Non una di piú. 

Mi offre la sua saggezza su un piatto d’argento: il suo sorriso.

E no. Ha ragione. Non posso accontentarmi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑