La maglia che mi hai ” donato” a natale sperticandoci sopra un bel po’ di lodi ( ripetendo almeno venti volte di averla acquistata in un negozio ai Parioli ) l’ho sbattuta in cantina, dove merita di essere.
Non volevo più averla tra i piedi , in memoria di un passato neanche sufficientemente remoto.
Te, i tuoi paventati suicidi, le tue lagne, e sopratutto gli ” amici ” che meriti
Chapeau alla tua ex moglie e ad A , colei che ha reso la tua vita un vero inferno.
Io un nulla, forse un tramite, una specie di Caronte. Nient’altro.
Non cambierei nulla , rifarei ogni singola cosa partendo dall’inizio , nove anni fa, io , te , tutto il resto del mondo e la convinzione che in te ci fosse molto più del coglione che dimostravi di essere.

Peccato che brancoli ancora bel buio