Oggi sono andata in ufficio senza calze, con un vestitino leggero e stivali  ( di Prada perché se vuoi fare la Troia la devi fare con classe) pronta per lui.

Avrei  solo dovuto sfilare il mio minuscolo perizoma et voila’. Scrivania, sedie , muri ,E invece niente , quando si ammala (accade troppo spesso ultimamente) non ce n’è .  

Perché sto raccontando così minuziosamente questa storiellina che a qualcuno sembrerà squallida ? Per ricordare prima a me stessa e poi agli altri che e’ tutto in un attimo.

Ricordi  , sorrisi, sguardi, voglie, scopate appassionate , ferme li, come polaroid nella memoria (che è meglio di qualsiasi assurdo selfie da telefonino) 

La malattia spezza in due ma non  vince e un attimo può valere una vita . 

Ma quando sei felice , facci caso (questa l’ho letta da quslche parte )